Blog
13 Gennaio 2017
performance fornitori

Come gestire le performance dei fornitori [ARTICOLO]

Valutazione fornitori: come farla correttamente

La performance dei fornitori ha delle ricadute dirette e oggettive sulle Operations del cliente. Tuttavia – forse perché non si comprendono i reali benefici della misurazione – poche aziende investono tempo e risorse per monitorarne e gestirne le prestazioni.
In questo articolo troverai le regole per la definizione dei cruscotti di indicatori nonché le caratteristiche delle soluzioni tecnologiche adatte a rendere le misurazioni credibili e motivanti per il fornitore. Comincia subito con la valutazione dei tuoi fornitori!

di Federico Pappalardo

Un sistema di Supplier Performance Management è essenziale in quanto permette all’azienda di valutare le dimensioni chiave delle prestazioni della propria base fornitori e di avere uno strumento che aiuti l’ufficio acquisti a definire le aree di intervento prioritarie.

Le inefficienze dei fornitori sono spesso difficili da quantificare ma, se non vengono gestite, possono avere importanti ripercussioni sull’operatività aziendale.
Possono infatti portare due tipologie di costi:

  • da una parte i costi diretti quali interruzioni della produzione, aumento del magazzino, rilavorazioni interne per mancanza qualità;
  • dall’altra i costi opportunità cioè l’impiego di risorse aziendali su attività a basso valore aggiunto a discapito di quelle ad alto valore aggiunto quali, ad esempio, scouting dei fornitori, definizione delle strategie di fornitura, pianificazione e preparazione delle negoziazioni con i fornitori, razionalizzazione delle specifiche di prodotto/servizio, ecc…

Le due funzioni del Supplier Performance management

Il Supplier Performance Management assolve due diverse funzioni:
1. Funzione Reattiva: permette di monitorare e identificare tempestivamente eventuali problemi nel processo di approvvigionamento;
2. Funzione Proattiva: consente di responsabilizzare il fornitore sulle chiavi di performance più rilevanti per l’azienda e stimolarlo a migliorarsi e proporre innovazioni di valore per il proprio cliente.

Per quello che riguarda la funzione Reattiva, le prestazioni si possono misurare lungo quattro dimensioni:

  • Marginalità
  • Tempi
  • Qualità
  • Semplicità di interazione

Per la funzione proattiva, invece, le leve da considerare sono:

  • Strutturazione di Performance Rating aziendali
  • Contrattualizzazione dei livelli di prestazione attesa (Performance Contract)
  • Pubblicazione sul sito aziendale del Rating dei fornitori
  • Conduzioni di sessioni di brainstorming tra azienda e fornitori chiave per migliorare insieme

Compila il form per leggere l’articolo completo e scoprire come effettuare al meglio la valutazione dei fornitori!

Troverai i passi da seguire per definire il giusto cruscotto di indicatori per la valutazione.